Come chiedere correttamente un aumento: 7 regole utili

Come chiedere correttamente un aumento: 7 regole utili

Parlare al capo di un aumento di stipendio spaventa molte persone. E se rifiutano o, peggio ancora, ti licenziano per insolenza! Non c’è bisogno di avere paura. Discutere dello stipendio è una pratica normale. Abbiamo raccolto alcune regole e consigli per aiutarvi a preparare la conversazione e aumentare le possibilità di un esito positivo.

1. Scegliere il momento giusto

Avere il tempismo giusto è uno degli elementi chiave di una conversazione salariale di successo. Un buon momento per questa conversazione è l’autunno e l’inverno: l’azienda sta formando un budget per il prossimo anno, quindi sarà più facile trovare fondi extra per gli aumenti di stipendio e scriverli nelle spese.

Ma ci sono anche altri fattori da considerare:

  1. Assicuratevi che l’azienda stia andando bene finanziariamente. Se i tuoi colleghi sono stati recentemente licenziati o hanno parlato di vendite basse durante una riunione, è meglio aspettare;
  2. Assicuratevi che il capo non stia affogando nei compiti e sia di buon umore. Probabilmente il momento migliore per trovare un supervisore nello stato d’animo giusto (venerdì mattina);
  3. Assicurati che stai facendo un ottimo lavoro. Se hai seriamente saltato una scadenza un mese fa o hai fatto un compito con un errore, probabilmente non avrai un aumento.

2. Raccogliere prove

Chiedere semplicemente un aumento non sarà sufficiente. Il tuo capo ti chiederà sicuramente di argomentare perché meriti un aumento di stipendio.

È importante preparare i tuoi argomenti in anticipo e sostenerli con esempi concreti, preferibilmente con cifre. Buone argomentazioni per un aumento potrebbero essere:

  • Superamento del piano;
  • Espansione della lista delle responsabilità;
  • Grave non conformità dei salari con le offerte di mercato;
  • Casi e iniziative di successo che hanno aumentato il reddito aziendale o semplificato i processi di lavoro.

3. Non diventare emotivo

Pietà, rabbia e frustrazione sono argomenti discutibili per un manager. È più probabile che provochino risentimento e che gli facciano riconsiderare il suo atteggiamento nei tuoi confronti.

Altre ragioni cattive o discutibili per un aumento includono:

  • Circostanze personali difficili, come un mutuo o la nascita di un figlio. Un aumento delle spese personali non indica un aumento del valore del suo lavoro;
  • Durata del lavoro. Senza la prova del tuo contributo al successo dell’azienda, questo argomento probabilmente non avrà molto peso;
  • Un aumento del salario di un collega. Un supervisore può fare un’argomentazione forte sul perché lui era degno di un aumento e tu non ti sei ancora fatto strada per raggiungerlo. Inoltre, sarete etichettati come pettegoli o invidiosi, e questo non fa bene alla reputazione;
  • Volontà di fare di più. Non si possono garantire risultati fighi in anticipo, e il capo, aumentando il tuo stipendio, non potrà riportarlo al suo valore precedente senza motivo. Quindi prima il caso, poi parlare di una promozione.

Non vale nemmeno la pena ricattarvi con le vostre dimissioni. Il capo non prenderà alla leggera una tale dichiarazione e potrebbe anche darvi subito una lettera di dimissioni. Usa un argomento del genere solo se hai già un’offerta reale da un’altra azienda e stai pensando di andarci solo per lo stipendio più alto. In questo caso, il manager potrebbe effettivamente accettare un aumento di stipendio per trattenere un dipendente di valore.

4. Determinare quanto aumento si vuole

È meglio presentarsi al capo con una proposta concreta, aumenterà la possibilità di un risultato positivo. Ma i sogni devono essere limitati: una richiesta di un doppio aumento di stipendio o di un bonus è troppo ambiziosa. Ma si può contare sul 10, 20 o 30%.

Per determinare la cifra reale, cerca di valutare obiettivamente la tua crescita professionale, il contributo allo sviluppo dell’azienda e i cambiamenti nella quantità di responsabilità e nel carico di lavoro rispetto a quando ti è stato fissato lo stipendio attuale. È anche utile controllare le offerte sul mercato, in modo da sapere se davvero guadagni meno di altri nella tua professione e a quanto puoi pensare di ottenere un aumento.

5. Provare la conversazione

Prima dell’incontro con il capo, prepara le risposte a tutte le sue obiezioni e domande, provale davanti a uno specchio. Questo ti aiuterà a non imbarazzarti e a non esplodere con l’emozione in caso di rifiuto.

Preparati per la parte principale della conversazione. Dovresti iniziare subito con l’argomento, domande sui compiti attuali o parlare di argomenti distratti può solo annoiare il capo. Poi elencare gli argomenti raccolti, all’inizio non si può entrare nei dettagli, basta lasciare le cifre per rispondere alle obiezioni e dire l’importo desiderato dell’aumento.

6. Non aspettare un miracolo

Non importa quanto si voglia ottenere un aumento, è impossibile garantire un esito positivo. Quindi bisogna prepararsi anche al rifiuto.

Prima di una conversazione con il capo non parlate ai vostri colleghi della vostra iniziativa. Non c’è bisogno di pettegolezzi inutili, in più uno di loro potrebbe pensare al suo stipendio e davanti a te. La possibilità che due dipendenti ottengano un aumento in un mese sarà minore.

Durante una conversazione con il tuo capo, non alzare i toni, non ricattare o minacciare di licenziarti, non far trapelare informazioni o dare cattive recensioni su Internet. Poi dopo puoi tornare al lavoro con calma e pensare a cosa fare dopo: continuare a lottare per un aumento o iniziare a cercare un nuovo posto.

7. Scopri cosa devi fare per essere promosso

Anche se la conversazione con il tuo capo ora finisce in un nulla di fatto, puoi ricavarne qualcosa. Chiedigli quali azioni devi intraprendere e quali risultati devi mostrare per ottenere un aumento.

Scrivi i consigli e le raccomandazioni su carta e fai un piano d’azione che ti aiuterà a raggiungere il risultato desiderato. E quando avrai raggiunto i tuoi obiettivi, torna dal capo con le prove di crescita raccolte e ritenta la fortuna. Se anche questa volta ottieni un rifiuto, è un motivo per pensare a quanto sia realistico ottenere una promozione e se è il momento di pubblicare un annuncio su un sito di ricerca di lavoro.


No more posts
No more posts