Come passare dalla convinzione “non posso” ad azioni concrete?

Come passare dalla convinzione “non posso” ad azioni concrete?

Quante volte vi ritrovate ad entusiasmarvi per qualcosa di nuovo o a fare qualcosa di nuovo e poi venite sopraffatti da pensieri come “non posso” o “non ho tempo”?

E ora la prossima opportunità è sparita, e tu continui ad arrancare con le stesse conoscenze, abilità, relazioni o entrate materiali. Lasciate che vi chieda: “Sei sicuro di aver analizzato tutto? Sei sicuro di non poterlo fare davvero?”.

Come dimostra l’esperienza, convincersi dell’impotenza è più facile che fare più sforzi. Ti suggerisco di affrontare le tue convinzioni limitanti con la tecnica dei tre passi. Applicandola, sarete in grado di vedere cosa vi impedisce di raggiungere ciò che volete, e sarete motivati ad agire.

Passo 1

Fai una lista delle cose che ti limitano. Scrivi almeno tre frasi ciascuna su un foglio di carta, iniziando con le parole “non posso” e “non ho tempo”. Per esempio:

  1. “Non posso alzarmi presto per andare a correre”;
  2. “Non posso aumentare il prezzo dei miei servizi perché ho paura di perdere clienti”; “Non posso iniziare una nuova relazione perché ho paura di essere bruciato di nuovo”; “Non posso iniziare una nuova relazione perché ho paura di essere bruciato di nuovo”;
  3. “Non posso iniziare una nuova relazione perché ho paura di scottarmi di nuovo”;
  4. “Non ho tempo per imparare una lingua straniera perché ho molto lavoro”;
  5. “Non ho tempo per seguire corsi di autosviluppo perché la mia famiglia occupa tutto il mio tempo libero”;
  6. “Non ho tempo per i miei hobby perché ho delle faccende da sbrigare a casa dopo il lavoro”.

E così via… Una volta finito l’elenco, guardate la lista con la realizzazione del seguente pensiero:

“Non posso = non ho intenzione di fare”.

Analizzate qualsiasi vostra convinzione e arriverete alla conclusione che questo è effettivamente vero.

Qualsiasi inazione si basa sulla convinzione di essere incapaci di realizzare qualcosa. Che senso ha imparare una lingua straniera se non credi di poterla padroneggiare o non credi di poterla usare? Per cambiare questo, passa al passo successivo.

Passo 2

Una persona può imparare tutto ciò che vuole. Non importa se ha talento o no, è solo una questione di tempo e di motivazione. Spesso limitiamo noi stessi e le nostre opportunità, non perché non possiamo fare qualcosa, ma perché non vogliamo affrontare nuove sfide.

Quindi come possiamo rimediare? Per prima cosa, dovete capire quali sono le limitazioni che vi trattengono nella vostra impresa. Torniamo alla lista che avete fatto prima e sostituiamo “non posso” e “non ho tempo” con “non ho intenzione di farlo”. Sarà qualcosa di simile a questo:

  1. “Non mi alzerò presto…”;
  2. “Non aumenterò il prezzo dei miei servizi…”;
  3. “Non inizierò una nuova relazione…”;
  4. “Non imparerò una lingua straniera…”;
  5. “Non farò nuovi corsi di formazione…”;
  6. “Non farò il mio hobby…”.

Rileggi le frasi risultanti. Come ti fa sentire? Questa lista vi sembra più simile alla realtà in cui vivete? Non è un po’ inquietante?

Se provate disagio, è un bene. Allora siete davvero consapevoli della vostra debole forza di volontà o della vostra pigrizia e siete pronti a cambiarvi. È il momento del prossimo passo.

Passo 3

Il passo successivo è l’automotivazione. Per farlo, scrivi un’altra lista su un nuovo foglio di carta, ponendo ad ogni frase della precedente la domanda: “Quale ricompensa avrò se faccio questo?”.

Basandosi sull’esempio delle domande precedenti, questa lista sarebbe come questa:

  1. “Se corro al mattino, diventerò più magro e migliorerò la mia respirazione, il mio cuore, la mia resistenza”;
  2. “Se aumento il prezzo dei miei servizi, perderò alcuni clienti, ma lavorerò in modo più efficiente con i clienti più potenziali e guadagnerò di più”;
  3. “Se inizio una nuova relazione, potrei incontrare l’amore della mia vita”;
  4. “Se imparo una lingua straniera posso leggere in essa, guardare video in essa, diventare più intelligente e forse trovare un lavoro meglio pagato o più clienti all’estero”;
  5. “Se inizio a frequentare corsi di autosviluppo, diventerò più produttivo, guadagnerò di più con la stessa quantità di lavoro e di tempo”;
  6. “Se imparo un nuovo hobby, svilupperò la mia creatività, che mi aiuterà a trovare nuove idee per sviluppare me stesso e la mia attività”.

È fantastico, vero? Quando fate una lista come questa, vedrete chiaramente a cosa state rinunciando. Capirete perché è meglio rinunciare alla frase “non posso” (perché questa convinzione limitante ha un impatto negativo sulla vostra salute, comodità, reddito, relazioni e altre aree della vita).

Riprogramma te stesso. Insegna al tuo cervello ad iniziare sempre ad analizzare i nuovi obiettivi da prospettive, non da limitazioni. Se un altro “non ho tempo” o “non posso” fa capolino nella tua mente, chiediti semplicemente: “Cosa perderò?”. Se è il tempo, allora naturalmente è una risorsa preziosa, ma penso che sarete d’accordo con me che è meglio spendere il tempo libero in qualcosa di utile che guardare la TV. Se è denaro, è una risorsa rinnovabile. E se il costo per raggiungere l’obiettivo è piccolo, i tuoi sforzi saranno ripagati nella maggior parte dei casi (che tu ci riesca o meno).

Quando incontri degli ostacoli sulla tua strada, non arrenderti! Meglio chiedersi: “Quale ricompensa otterrò, se mi prendo una possibilità e ci provo?”. In questo modo allenerete il vostro cervello a mettere in discussione ogni “non posso” e comincerete a vedere le varie possibilità e comincerete a pensare in stile: “Io che posso”.

Dopo questa auto-riprogrammazione le prospettive che scoprirai ti ispireranno sicuramente a compiere azioni concrete. Diventerai più bravo a individuare nuove idee e opportunità intorno a te. E quando arriverai a capire che nulla è impossibile in questa vita, allora avrai una motivazione e un desiderio molto forte di fare qualcosa di nuovo.


No more posts
No more posts