Biohacking te stesso: Come e dove iniziare?

Biohacking te stesso: Come e dove iniziare?

Prima di iniziare il biohacking e qualsiasi metodo per migliorare la vita, devi prima prendere le misure della tua salute. Il primo compito è scoprire qual è la tua situazione attuale. E solo in base a questo sarà chiaro in che direzione andare.

Se non sai cosa sta succedendo al tuo corpo in questo momento, non sarai in grado di usare il biohacking in modo efficace. Sarà come “sparare ai passeri con un cannone”, perché non saprete quali sono le vostre debolezze e i vostri punti di forza. E sarà solo a partire da questi dati che sarà chiaro cosa dovrete fare.

Devi conoscere i tuoi biomarcatori e monitorare i loro cambiamenti. Tutti i biohacking lo fanno. Gli uomini d’affari tracciano le loro prestazioni. Lo fanno anche gli atleti. Così come i politici. Senza tracciare i biomarcatori, è difficile capire le tue prestazioni e ancora più difficile proiettare piani per il futuro.

Cos’è il “Sé quantificato”?

L’auto-quantificazione è l’analisi e il monitoraggio dei segni vitali per ottenere un quadro dettagliato delle tue condizioni corporee. Una volta raccolte le informazioni, è possibile utilizzare questi dati per migliorare ulteriormente la propria salute.

È possibile tracciare i cambiamenti nella frequenza cardiaca, l’umore, il peso, il tempo di sonno, il cibo e qualsiasi altra cosa si possa misurare. Una varietà di tecnologie viene utilizzata per aiutare a catturare queste metriche in modo comodo e veloce.

Biohacking te stesso: Come e dove iniziare?

I dispositivi più popolari per questo compito sono:

  • Xiaomi Mi Band fitness tracker;
  • Apple Watch smart watch;
  • Oura Smart Ring.

In generale, qualsiasi orologio intelligente. Se non ne hai uno, ti consiglio vivamente di comprarlo.

Sì, la digitalizzazione della vostra salute richiede qualche investimento. Ma non dovete fare assolutamente tutti i test possibili. Potete prenderne solo alcuni che ritenete più rilevanti per voi. Oppure puoi prendere i test che puoi ottenere gratuitamente al centro sanitario o in una clinica privata con la tua assicurazione.

Dove iniziare il tuo percorso come biohacker?

Dovresti iniziare seguendo i tuoi segni vitali, naturalmente. Questo è un processo difficile, dispendioso in termini di energia e incomprensibile per il nostro cervello, quindi prima devi capire perché e a cosa ti serve. È necessario determinare l’obiettivo verso il quale volete muovervi.

Per esempio, il tuo obiettivo potrebbe essere quello di aumentare la tua concentrazione al lavoro o di migliorare le tue prestazioni nello sport. Una volta determinato questo, sarà più facile per voi scegliere strumenti specifici e concentrarvi sulla loro attuazione.

Il passo successivo è un’analisi preliminare di ciò che avete attualmente. I tre strumenti principali per questo sono:

  • Esami del sangue. Puoi imparare molte cose importanti sulla tua salute attraverso questa procedura, ma dovresti essere principalmente interessato ai tuoi livelli di emoglobina e a quanto è buono il tuo equilibrio di ormoni sessuali;
  • Controllo della salute. Questo è un check-up completo della salute che include esami e test generali e specializzati, di base e avanzati. Se vuoi un approccio completo, vai direttamente a questa opzione;
  • Test del DNA. Questo è un servizio che completerà perfettamente le prime due opzioni e darà molti spunti di riflessione. L’unico aspetto negativo è che è abbastanza costoso.

Biohacking te stesso: Come e dove iniziare?

Avere almeno alcuni test in ogni caso è meglio di niente. Almeno saprai da dove cominciare e che direzione prendere. E in futuro, se avrai i mezzi finanziari, fai altri test che possono dirti ancora di più sulla tua salute.

Io faccio esami diversi ogni mese in base a ciò che è rilevante per me. Non rifaccio spesso gli stessi test in circolo. Rifaccio soprattutto quelli che hanno avuto delle anomalie. Dopo aver ricevuto i risultati, li inserisco in un’applicazione speciale sul mio smartphone. Questa app è un po’ come il mio terapeuta, se posso dirlo (ma non devo assolutamente rifiutare di consultare dei veri medici). Perché si basa sui miei risultati e mi dice cosa fare e dove andare, chi contattare.

Analisi del cervello e delle capacità cognitive: concentrazione e memoria

A parte le prestazioni del tuo corpo, vale la pena analizzare come il tuo organo pensante gestisce i rigori della vita quotidiana. Ci interessano tre metriche, per ognuna delle quali c’è una pila di app e siti per fare l’analisi:

Ore di produttività

Con l’applicazione RescueTime, è possibile tracciare ciò che si fa al PC e allo smartphone durante il giorno: quante ore si lavora, quanto si sta seduti su Instagram, quanto si fissa questo o quello schermo, e così via. Il servizio raccoglie tutte le informazioni, le elabora e fornisce statistiche con vari rapporti.

L’app Life Cycle mostra le tue attività quotidiane, i luoghi che visiti e anche le persone con cui passi del tempo in un periodo di tempo.

L’app Forest, che utilizza la tecnica del Pomodoro, ti aiuta a tenere traccia di quante ore e cose fai in un giorno.

Biohacking te stesso: Come e dove iniziare?

Umore

Con le applicazioni Daylio o Moodnotes potete misurare ciò che fate e come questo influisce sul vostro umore. Una volta che hai abbastanza dati, le applicazioni costruiranno dei grafici da cui potrai trarre conclusioni interessanti.

Biohacking te stesso: Come e dove iniziare?

Progressi nell’autosviluppo

Una delle cose più difficili del biohacking è vedere e confrontare i risultati. Dal momento che uno degli obiettivi più popolari è quello di pompare le tue capacità di studio, un buon strumento per l’auto-test può essere la velocità di lettura e la qualità di assimilazione delle informazioni. Una delle applicazioni più convenienti per questo è HeadsUpHealth.

Biohacking te stesso: Come e dove iniziare?

Stimolazione sonora

BrainFM è un’applicazione che può essere utilizzata per migliorare la concentrazione, la qualità del sonno o per la meditazione. Secondo il loro sito web, questa applicazione sta preparando studi peer-reviewed sulla sua efficacia, ma ampi test comportamentali sostengono che la loro musica può aumentare l’attenzione e aiutare a rilassarsi.

Puoi provare 5 sessioni gratuite e, se vuoi, abbonarti per 7 dollari al mese. E l’app Calm ti aiuterà a rilassarti anche nel giorno più stressante, tutte le meditazioni di base sono disponibili gratuitamente, e se vuoi di più, puoi comprare un abbonamento mensile o annuale. Puoi anche usare Youtube e cercare la musica per parole chiave: musica per concentrarsi, musica per studiare e musica per lavorare.

Biohacking te stesso: Come e dove iniziare?

Meditazione

È noto che la meditazione è benefica. Migliora la nostra concentrazione, riduce lo stress, l’ansia e la depressione, aumenta l’intelligenza e l’organizzazione del pensiero e aiuta gli anziani a conservare la memoria.

Ci sono così tante pratiche e applicazioni diverse, ma la mia preferita e più facile per i principianti è la meditazione mindfulness. Devi solo concentrarti e sentire il tuo respiro, e poi ricordare delicatamente alla tua mente il processo ogni volta che la tua coscienza comincia a vagare.

Per quanto riguarda le app di meditazione, io non le uso. Penso che se “spengo il mio cervello da questo mondo”, non ho bisogno di nessun gadget.

Biohacking del sonno

La qualità del sonno è molto importante per il biohacking completo del corpo. Naturalmente, non possiamo controllare questo processo mentre dormiamo, ma possiamo influenzare come va prima che inizi.

Personalmente, mi piacciono le seguenti app:

  • Sleep Cycle. È un’applicazione per Android e iOS che traccia la qualità del tuo sonno dal tuo telefono. Si accende l’app e tiene traccia del tuo sonno dal momento in cui la testa tocca il cuscino e ti sveglia nella fase REM del sonno, così il risveglio è facile;
  • Beddit. È un’applicazione e una cintura del sonno che si attacca al vostro letto. Registra vari dati: frequenza cardiaca, russamento, numero di respiri al minuto, movimento e lo stato dell’ambiente nella camera da letto. È stato acquistato da Apple nel maggio 2017, quindi è ora disponibile sull’Apple Store.

Convenientemente, l’applicazione mostra anche i miei risultati come un’infografica. Questo è fantastico! L’auto-analisi diventa una specie di gioco! Io uso un’app a pagamento, ma ce ne sono anche molte altre gratuite. Ma davvero, quelli che spendono soldi per i test, penso che non saranno dispiaciuti di spendere qualche dollaro per pagare un’app in abbonamento.

Biohacking te stesso: Come e dove iniziare?

Nutrizione

È completamente sbagliato iniziare a implementare tecniche di biohacking nella propria vita senza capire la propria condizione attuale. Per esempio, la vitamina C. Alcune persone la prendono come profilassi. E se una persona ne ha già un surplus? Perché dovrebbe appesantire ulteriormente il suo corpo? Come risultato, non si avvantaggia in alcun modo, ma al contrario si danneggia.

Lo stesso vale per i comuni complessi vitaminici, i cui venditori ti promettono un miglioramento. Che senso ha prenderli se non sai nemmeno se ne hai bisogno o no? È come continuare a mangiare quando si è già pieni e non serve altro. O fare il pieno di benzina già piena. Molte persone dimenticano che non è male solo quando c’è una carenza, ma anche quando c’è un’eccedenza. A volte, al contrario, si dovrebbe non fare nulla e lasciare il corpo da solo per un po’ per eliminare l’eccesso. E siamo abituati a prendere qualcosa per stare meglio.

A volte bisogna lavorare a ritroso per ridurre questo o quello per tornare alla normalità. Ho avuto una situazione di carenza di alcune vitamine del gruppo B a causa di alcune iniezioni. Ed è una buona cosa che grazie alla digitalizzazione me ne sono reso conto e per il mese successivo ho ridotto al minimo gli alimenti che contenevano quelle vitamine in eccesso.

Questi sono i punti principali che un biohacker principiante deve conoscere. Puoi leggere di più su queste e altre tecniche per potenziare te stesso nelle altre pagine del nostro sito.


No more posts
No more posts