Come trovare l’equilibrio tra vivere per se stessi e aiutare gli altri?

Come trovare l’equilibrio tra vivere per se stessi e aiutare gli altri?

Penso che la maggior parte delle persone conosca e ricordi una delle regole di base del comportamento dei passeggeri a bordo: in caso di depressurizzazione della cabina bisogna prima mettere una maschera a se stessi, poi al bambino. Guarda l’argomento in modo più ampio – qui non stiamo parlando di relazioni con i bambini, ma in linea di principio di aiutare l’ambiente circostante. Questo approccio si sposa bene con il leggendario “Paga prima te stesso” e riflette una posizione adeguata ed equilibrata verso se stessi.

Da qui emerge la “regola dell’aeroplano”: prenditi cura di te stesso, investi in te stesso. Aiuta gli altri senza togliere l’ultimo a te stesso.

Tuttavia, questo approccio non significa che devi andare agli estremi e chiuderti in generale a tutti. Al contrario: devi trovare un equilibrio, un punto di equilibrio tra “vivere per te stesso” e “vivere per gli altri”. Ecco alcune semplici regole:

Non esaurirti con il tuo Ego

Gli esseri umani sono creature sociali. Ed è la società che ci ha reso quello che siamo oggi.

Non dimenticarlo. Sì, avere un Ego ben “pompato” e un’intelligenza elevata è buono, ma… Senza la capacità di condividere i tuoi talenti con gli altri, queste abilità sono inutili.

Prima sul nostro blog Optimist.pw abbiamo già scritto dell’uomo più intelligente della Terra con un QI quasi doppio rispetto a quello di Einstein. Ha finito la sua vita giovane e solo, senza aver fatto nulla di significativo o memorabile. Era egoista e sociopatico.

Non andare agli estremi. Sia le posizioni “io sono il centro della terra” che “io sono tutto per te e niente per me stesso” sono perdenti, prive di risorse e stressanti sia per te che per chi ti circonda.

Non devi essere sempre un eroe

Oh, quella Hollywood. Ogni volta che guardi questi film, sono tutti eroi, che salvano tutti e aiutano tutti…

Molti film sono buoni. Sono fatti per tirarci su, per darci fiducia, per metterci sulla strada giusta. Ma nella vita reale, in qualche modo ci sono pochi eroi. Qual è la ragione?

Il motivo è che una persona non può decidere per tutti. Inoltre, nella vita reale, queste tattiche fanno più male che bene. Ecco un esempio:

C’era una volta un ragazzo. Voleva davvero essere un eroe e fare cose buone. Mentre passeggiava nel parco, vide un bozzolo di farfalla. La farfalla cercò di uscirne, ma non ci riuscì.

Il ragazzo volle aiutare la farfalla e tagliò accuratamente il bozzolo con un coltello. Alla fine la farfalla uscì, ma lo fece troppo presto. Non ricevette abbastanza nutrimento e le sue ossa e le sue ali non erano ancora abbastanza forti. Questa farfalla era completamente impreparata alla vita. Non poteva volare correttamente, né poteva procurarsi il cibo da sola. Pertanto, la farfalla morì presto.

Ci sono molti esempi del genere nella vita. Ecco perché tutti i genitori ricchi e intelligenti insegnano ai loro figli gli affari prima di dare loro del denaro. Ecco perché per sfamare un uomo affamato sulla riva del mare, è meglio insegnargli a pescare che dargli dei soldi.

È lo stesso nelle relazioni con le persone care (e proprio con quelle che hanno difficoltà): dai loro “una canna da pesca” e mostra loro come maneggiarla, ma non dargli sempre da mangiare “pesce pronto”.

Nessuno apprezzerà i vostri sforzi sacrificali

Oppure lo faranno, ma non nella misura che ti aspetti.

Nel tentativo di aiutare gli altri, puoi rinunciare alla tua carriera, alla tua crescita professionale, alla tua felicità personale, ma prima o poi rimarrai senza niente e sarai costretto a chiedere aiuto tu stesso.

Ecco perché non dovreste sacrificare voi stessi. Se sentite che state diventando ostaggio delle circostanze altrui, allora fate un passo indietro. Ci sono molti modi per mostrare la tua complicità: aiutare i consigli, sostenere l’iniziativa della persona che ti interessa, ecc. Ma non esagerate.

Il tuo coinvolgimento nei problemi degli altri dovrebbe essere moderato, non creare disagio per te. Ricorda che le relazioni con le persone dovrebbero portare felicità, non sentimenti di disperazione e perdita.

In ogni relazione è quasi sempre un compromesso, c’è un più indulgente per voi l’alternativa. Sceglietelo sempre, non sacrificatevi. Non metterti in una condizione difficile “mi è dovuto”, in cui ti aspetterai qualche trattamento speciale, una gratitudine speciale per il tuo contributo, e non seguirà. Alla fine, non riceverai né gratitudine né risorse per te stesso.

Non perdere mai di vista le tue priorità

Lasciate che vi ricordi la prima regola di questo argomento: “Paga te stesso prima di tutto”.

Nella vita, è importante essere chiari sulle proprie priorità e attenersi ad esse. Di regola, una persona che è soddisfatta della sua vita, che rispetta se stessa e molte delle persone che la circondano sono così, sviluppa una relazione più sana ed equilibrata. Non una relazione in cui quella persona viene usata come “donatore”.

Prima analizzare, poi fare

Se sei incline al “salvataggio”, valuta quali risultati ha portato nella tua vita.

Quando arrivano i momenti difficili della vita (quando vuoi dare la tua maschera d’ossigeno a qualcun altro senza esitare), devi imparare a pensare e analizzare:

  1. Quanto è critico per te?
  2. Quanto è critico per la persona che chiede aiuto?
  3. Ci sono altre opzioni per risolvere il problema? (La persona che ha bisogno può almeno in parte risolvere il suo problema da sola?)

Rispondere a queste domande sarà il tuo equilibrio tra vivere per te stesso e aiutare gli altri.


No more posts
No more posts