13 trappole in cui cadono i cattivi leader

13 trappole in cui cadono i cattivi leader

James Altucher, un famoso imprenditore e autore, ci racconta come i cattivi capi diventano cattivi capi e come non diventarlo.

Ho conosciuto molti cattivi capi, ho lavorato con loro e per loro. Io stesso sono stato un cattivo capo molte volte nella mia vita. Non so se ora sarò il leader giusto. Ma conosco gli errori che mi hanno portato a fallire. E a volte per migliorare un po’, bisogna evitare di peggiorare un po’. Quindi cominciamo.

Le qualità dei cattivi leader

1. Non capiscono la regola del 30/150

Se una persona non segue la regola del 30/150, sarà un cattivo leader. Questa regola è stata in vigore per 200.000 anni. Per 200.000 anni le persone hanno vissuto in tribù. Ogni tribù aveva un leader, ma quando la tribù diventava troppo grande per un solo leader (più di 30 persone), si divideva in due.

Poi circa 70.000 anni fa ci siamo evoluti e abbiamo iniziato a gestire tribù fino a 150 persone. Ma questa è una cosa nuova, un’aberrazione evolutiva, e quindi continuiamo a fallire.

Ma in ognuna di queste categorie (sotto le 30 persone, sotto le 150 persone, sopra le 150 persone) i cattivi leader hanno la possibilità di dimostrare quanto sono cattivi. Ed ecco come: non cambiano il loro comportamento a seconda di quante persone guidano.

2. Come sbagliano i leader nelle organizzazioni con meno di 30 persone

Se avete meno di 30 persone nella vostra organizzazione, dovete conoscere molto bene i problemi di ognuno di loro. Devi conoscere le loro capacità, in cosa sono bravi, in cosa non sono bravi, in cosa vogliono essere bravi, quali sono i loro sogni.

Ad ogni persona deve essere assegnata una cosa SOLA. Questa è la sua particolare responsabilità. I cattivi manager danno alle persone molti compiti contemporaneamente, e poi le persone li gestiscono tutti in modo mediocre.

Quando dirigevo un’azienda con meno di 30 dipendenti, portavo le persone con me alle riunioni in modo casuale. In questo modo potevano vedere l’impatto che l’azienda aveva sui clienti o su altre persone. Conoscevo i miei limiti come manager. Quindi volevo che i miei subordinati fossero leader.

I cattivi leader diventano gelosi dei loro subordinati e non assumono mai persone più intelligenti di loro. Questo è l’errore più comune dei cattivi leader.

Comprendi ognuna delle tue 30 persone. Scopri chi sono i loro genitori. Scopri come si divertono. Aiutali a sviluppare le loro capacità al massimo. Lasciate che eccellano e che vi superino.

Potrei essere stato un buon leader in quell’organizzazione. Non lo so. Ma ricordo ancora ognuno di quei trenta, e siamo ancora amici. Dai alle persone più di quello che ti danno, e loro ti daranno ancora qualcosa tra vent’anni. Questo lo so per certo.

3. Da 30 a 150: come fallire

Quando hai da 30 a 150 persone nella tua organizzazione, è impossibile conoscere tutti intimamente. Ecco perché hai bisogno che tutti parlino l’uno dell’altro. Voglio essere in grado di chiedere ad A com’è lavorare con B e ottenere una buona risposta significativa.

I tuoi diretti subordinati dovrebbero dare più di quanto ricevono alle persone che lavorano con loro. È così che si possono conoscere le persone. Ed è così che un leader indirettamente può conoscere tutte le 150 persone quando riunisce gruppi di lavoro, distribuisce incarichi e cerca di ispirare le persone a muoversi verso un obiettivo comune.

4. Fallimento con una “visione”

Quando ci sono più di 150 persone, bisogna fare molte cose. Ma la ragione più comune per cui i leader falliscono è la mancanza di visione strategica.

Che cos’è? Ci sono probabilmente un migliaio di libri noiosi che potrebbero essere scritti su questo. Quando ci sono più di 150 persone, è impossibile conoscere tutti e anche impossibile conoscere tutti di seconda mano. Quindi la cosa più importante che puoi fare – e in effetti anche l’unica cosa che puoi fare – è guidare le persone con il tuo esempio.

Non puoi parlare con tutti e capire i loro problemi. Non puoi definire i loro ruoli e realizzare i loro sogni. Quindi devi unirli con una storia – una storia in cui tutti credono, a cui si ispirano e che sono disposti a seguire. Tutte le storie: religione, nazionalismo, politica, ecc – sono più o meno progettate per unire il maggior numero di persone possibile con i legami più forti possibili.

E siccome non ci riusciamo molto bene, spesso accadono guerre, o le società semplicemente scompaiono nella pattumiera della storia.

Quando Tim Cook è diventato amministratore delegato di Apple, tutti temevano che la storia sarebbe cambiata. Le azioni sono crollate.

Qual era la storia? Non si trattava di Steve Jobs che “faceva più profitti”. Quelle storie raramente riguardano i soldi. Era che Steve Jobs era il migliore a combinare la tecnologia con il design. Tim Cook avrebbe potuto portare questa storia più avanti? La sua leadership sarà giudicata esclusivamente in base al fatto che sostenga la storia o che riesca a cambiarla con successo.

E, in effetti, dovrebbe fare entrambe le cose. Se cerca di trasformarsi in Steve Jobs, la storia sarà: “Tim Cook è una brutta versione di Steve Jobs”.

È un affare delicato. È un equilibrio che deve essere mantenuto ogni giorno per attrarre i migliori dipendenti, per generare la gioia di clienti e investitori – e sì, per godersi la vita stessa. È questo il senso della leadership.

5. La visione sbagliata

Una buona visione strategica è difficile da inventare. È una cosa rara. Ma poiché conosco molti cattivi leader, posso parlarvi della visione sbagliata. Ho lavorato nel management di almeno due aziende che valevano almeno un miliardo di dollari. In entrambi i casi, la leadership era semplicemente terribile. Come hanno fatto a raggiungere il miliardo con quel tipo di leadership? È facile.

Si sono quotate in borsa e poi hanno comprato altre aziende con le loro azioni. Comprano molte piccole versioni di se stesse, e poi quando si sommano i numeri, all’improvviso si ritrovano a fare un miliardo all’anno.

Ma la visione era: “Abbiamo comprato un mucchio di aziende che fanno la stessa cosa, e ora il nostro fatturato è di un miliardo di dollari!”.

La tua visione potrebbe essere anche peggiore. Per esempio: “Abbiamo appena comprato un mucchio di aziende, licenziato tutti i responsabili delle risorse umane e i contabili (li abbiamo in sede), e ora abbiamo un fatturato di un miliardo di dollari e margini più alti!”.

Tutte le aziende che hanno preso questa strada sono fallite.

Alcune aziende l’hanno fatto e sono arrivate vicine al fallimento. Per esempio, era incredibile che Google fallisse. Ma quando Eric Schmidt era CEO, compravano un’azienda alla settimana. Non hanno integrato abbastanza bene quelle aziende, e Google ha iniziato ad inciampare. Le divisioni hanno iniziato a chiudere. Lo spirito di squadra è andato giù perché la stessa storia di Google ha iniziato a disintegrarsi.

Larry Page ha preso il comando e ha cambiato la storia. Disse: “Google è la migliore azienda del mondo in queste quattro cose”. E chiuse tutto ciò che non riguardava queste quattro cose. Ora le persone in ognuna di queste quattro aree potevano dire: “Siamo i migliori al mondo in questo”. E questo contribuisce alla visione generale di Google: l’azienda ti dà tutte le informazioni del mondo, non importa dove ti trovi. La prima azienda nella storia a farlo.

Onestamente, avrei voluto lavorare a Google. Ha anche quasi funzionato quando ho cercato di vendere loro l’azienda. Amavo così tanto la loro storia che volevo immergermi in essa. Volevo venerarla come una religione. Ed è così che operano tutti i grandi leader religiosi. Raccontano la storia.

Questi sono gli elementi di una buona storia:

  • Combattiamo una forza malvagia (si pensi alla pubblicità della Apple del 1984 contro l’IBM, o il Buddha che rifiuta il sistema delle caste);
  • Abbiamo qualcosa di misterioso che nessun altro ha (una divinità, una filosofia di design, una tecnologia speciale, ecc);
  • Pensiamo che la gente sarà felice di lavorare con noi, di firmare con noi, di unirsi a noi. I prodotti Apple sono spesso inferiori in termini di funzionalità ai prodotti comparabili della concorrenza. Ma la gente è più felice con i prodotti Apple perché hanno una storia così forte;
  • I nostri leader hanno “visto la luce” o “sperimentato una seconda nascita”. Steve Jobs ha lasciato l’azienda per dieci anni per tornare come un eroe. Buddha ha dovuto lasciare la sua casa per sette anni per raggiungere l’illuminazione. Mandela è stato in prigione per decenni;
  • Insieme siamo meglio che separatamente. Più siamo grandi, meglio possiamo aiutare le persone che saranno con noi. Quindi se un’azienda compra un gruppo di piccole aziende, ha bisogno di una storia che spieghi perché più grande è meglio. Per esempio, possiamo aiutare le persone più velocemente perché capiamo i loro bisogni in ogni città del mondo;
  • Prova sociale. Ci dovrebbero essere altre storie nella visione: persone che la vostra visione ha aiutato, persone la cui vita è migliorata, persone che possono alzarsi e dire: “questo ha cambiato la mia vita”.

6. I cattivi leader non vogliono che tu chiami tua madre

Le persone che seguono un buon leader dovrebbero poter chiamare i loro genitori ogni giorno e dire: “Sono così felice. Non crederete a quello che ho fatto/che ho imparato/chi ho incontrato oggi”…

7. I cattivi leader parlano male dei loro clienti, dipendenti o elettori

Ho tenuto una conferenza in un’azienda. Si è scoperto che la maggior parte di loro odiava i propri clienti. Sono rimasto sorpreso. Come puoi odiare i tuoi clienti? Sono quelli che ti pagano. Sono la ragione per cui vieni a lavorare. Se odi le storie dei tuoi clienti, come puoi aiutarli a realizzare i loro sogni? Qualcosa si metterà sempre sulla tua strada.

La leadership non riguarda il raggiungimento dei tuoi sogni. Si tratta di aiutare tutti gli altri a raggiungere i loro sogni.

Non è colpa dei dipendenti. Tutto viene dai leader. Se un leader non ama i clienti o gli elettori, neanche i suoi subordinati lo faranno. La leadership scende dall’alto.

8. I cattivi leader non vogliono che tu li batta

Ho avuto quattro mentori nella mia vita. Anche altre persone volevano essere i miei mentori, ma non avevano quell’effetto mentore su di me.

Cosa voglio dire con questo? Volevo essere come loro. Volevo che il mio percorso di vita replicasse il loro. Volevo imitare il loro comportamento, imparare quello che sapevano, avere successo come loro.

E ad un certo punto tutti volevano che fallissi. Ho imparato quello che potevo da loro. Ho fatto tutto quello che mi hanno chiesto. Ho aiutato ognuno di loro a promuovere la propria causa. Ma ad un certo punto, quando ho voluto andare nella mia direzione o iniziare la mia attività, tutti si sono arrabbiati e hanno cercato di fermarmi. Non volevano più parlarmi. E due di loro hanno persino cercato di farmi del male, anche se io li stavo solo aiutando. Tuttavia, ho capito quel pericolo e l’ho fatto deliberatamente.

Un buon leader aiuta le persone che lo circondano ad aggirarlo. Un grande esempio è il professore di Stanford Rajiv Montvani.

Cosa?! Chi diavolo è?

Era il supervisore di Sergei Brin. E invece di tenere Brin in una gabbia, ha aperto la gabbia, Brin è volato fuori e ha fondato Google con il collega Larry Page. E come risultato, oggi Montvani è miliardario.

Il leader non fa domande: “Quanto posso diventare forte? Quanto lontano posso andare?”. Lui chiede: “Quanto lontano possono arrivare le persone intorno a me?”.

Si dicono molte cose negative su Steve Jobs. Ma se fosse una persona così negativa, non sarebbe un così grande leader. Persone come Tim Cook, Joni Ive, John Lasseter (della Pixar) e persino Bob Iger (CEO della Disney) e Tony Fadell (lo sviluppatore di iPod che ha recentemente venduto la sua azienda Nest per 3,2 miliardi di dollari a Google) devono molto del loro successo, della loro creatività, della loro libertà e della loro ricchezza al fatto che Steve Jobs è stato una volta il loro mentore, o hanno beneficiato di qualcosa dalle decisioni di leadership di Steve Jobs.

Tutte queste persone sono altamente motivate – ecco come sono finite con Steve Jobs come mentore. Ma combinate quella motivazione con le capacità di leadership di Steve Jobs ed è allora che si ottiene il vero successo.

La stessa cosa è successa a Google con le capacità di leadership di Larry Page. I capi o gli amministratori delegati di Twitter, Facebook, AOL e Yahoo in un momento o nell’altro hanno imparato da Larry Page, e oggi sono loro stessi leader e mentori di successo.

9. I cattivi leader non conoscono i numeri di cui hanno bisogno

Vi confesserò qualcosa di intimo. Quando dirigevo le aziende, mi ci è voluto molto tempo per capire quali numeri dovevo conoscere. Ed è necessario conoscere non solo le entrate e i profitti, ma anche le entrate e i profitti per dipendente, per cliente, per metro quadrato, ecc. Questo è importante, sia che tu sia il leader di un’azienda, un’organizzazione comunitaria, un paese, qualsiasi cosa.

Quali metriche hai bisogno di conoscere per determinare il tuo successo? Se sei un insegnante, fai una lista di ciò che i tuoi studenti farebbero bene a raggiungere entro la fine della lezione. Non tutti lo raggiungeranno, e va bene così. Fai una lista di tutti i tuoi studenti. A fianco di ognuno, scrivi tutto ciò che vorresti che lui o lei realizzasse. All’inizio della lezione, valuta tutti su ognuno di questi punti su una scala da 1 a 10. Somma tutti questi numeri – questo sarà il punteggio di partenza. Quando la classe è finita, quel numero dovrebbe essere più alto. Anche se solo uno degli studenti ha fatto molti progressi. Questo va bene. Significa che hai guidato bene.

Se hai problemi a trovare le giuste metriche, usa queste: competenza, attitudine, autonomia. Lascia che ogni persona migliori in tutte e tre.

E le metriche sono importanti. Recentemente sono stato in un’azienda che pensavo avesse formulato la visione sbagliata per i clienti. E il successo dei clienti era definito dalle metriche sbagliate. Ma anche la visione sbagliata è meglio di nessuna visione.

10. I cattivi leader non si liberano delle persone cattive

Una volta ho lavorato con un’azienda che aveva un leader debole. Doveva la sua posizione al più grande azionista. Ma il problema era che il maggiore azionista era una persona completamente marcia.

Un buon leader si sarebbe liberato dei suoi legami con quest’uomo e avrebbe costruito la sua visione sulla propria leadership. Questo leader, invece, si impantanò nei problemi finanziari del maggiore azionista, non riuscì a unificare le divisioni dell’azienda e non riuscì a diventare un mentore efficace per i suoi diretti collaboratori. Un anno dopo, l’azienda è crollata.

Una cattiva leadership può causare un crollo quasi istantaneo. Gli esempi includono il crollo delle banche Bear Stearns e Lehman Brothers nel 2008. Quando le azioni della Bear Stearns sono scese da 80 a 2 dollari in una settimana, il CEO della società era a una gara di bridge. Mentre lui giocava a carte, migliaia di persone hanno perso il lavoro. E il crollo di Bear Stearns ha innescato una catena di domino che ha finito per dover salvare banche e compagnie di assicurazione, spendendo trilioni di dollari.

La persona che ha messo in carica quell’esecutivo ha dovuto rimuoverlo o ammettere i propri errori. E qui c’è un altro problema…

11. I cattivi leader hanno spesso un enorme carisma

Come fa un cattivo leader a raggiungere una posizione di leadership? È semplice. Sono estremamente carismatici. Sono incredibilmente intelligenti e sanno come affascinare i leader che hanno guidato le organizzazioni prima di loro.

Ecco un esempio dal cinema. Il regista è un leader. Ma ha un grosso problema. Gli attori vengono assunti per il loro enorme carisma. Il mondo li adora. E quando vogliono qualcosa, è difficile per loro dire di no. Un buon regista deve combattere l’impulso di cedere a quel carisma e mantenere la sua visione.

Nel caso di Bear Stearns, il contagio avvenne quando il direttore originale, Alan Greenberg, incontrò un nuovo impiegato. Jim Kane, questo nuovo ragazzo, era un giocatore di bridge professionista. Ed essenzialmente, nessun altro. Per giocare bene a bridge (o a qualsiasi gioco professionale) sono necessari anni di autoformazione, bisogna essere in grado di “leggere” bene le persone, essere bravi con i numeri ed essere in grado di calcolare velocemente molte situazioni nella propria testa.

Questi sono tutti attributi di un buon leader, e questi strumenti possono spesso convincere altri buoni leader che anche tu sei un buon leader. Ma ahimè, Jim Cain non era altro che un buon giocatore di bridge – non era molto bravo in tutto il resto.

Tra i buoni leader ci sono giocatori di successo: Bill Gates (bridge), Warren Buffett (bridge), Peter Thiel (scacchi) e molti altri.

Alan Greenberg era un aspirante giocatore di bridge. Incontrò Jim Kane, che era un giocatore eccellente. Chiese a Jim: “Quanto sei bravo?”. E lui rispose: “Anche se mi giochi per cento anni, non mi batterai mai”. Così iniziò la strada del successo di Kane e il crollo dell’intera economia americana.

12. I cattivi leader fumano crack

Non intendo letteralmente. Se avessero davvero fumato crack, probabilmente non avrebbero raggiunto una vera posizione di leadership.

C’è questo bias cognitivo che fa sì che la gente non veda i propri errori. Hanno speso così tanto tempo, sforzo e denaro per creare una storia particolare che ora il loro cervello non permette loro di dire: “Potrei aver fatto un errore”.

Un cattivo leader non ammette i propri errori e nemmeno ci pensa. È troppo doloroso pensarci. Il cervello si ribella, o il leader si deprime, e comincia a dubitare delle sue capacità di leadership.

Una volta ho avviato un’azienda con un amico nello stesso periodo. Sapevo subito che le cose sarebbero andate male nella sua azienda, ma non ero abbastanza amico da dirgli che aveva una cattiva idea. Gli ho chiesto: chi sono gli utenti? Chi sono i clienti? Come faresti a fare soldi? Volevo che si rendesse conto da solo che la sua idea era pessima. Ma facendo queste domande, mi sono svegliato da solo. Ogni giorno mi facevo le stesse domande sulla mia azienda. Andavo dai miei partner, chiedevo loro se avevano l’impressione che stessi fumando crack e discutevo con loro di queste domande. Questo processo mi ha costretto a trovare ogni giorno qualche nuova caratteristica che mi avrebbe aiutato a servire meglio i miei clienti.

Ho venduto la mia azienda dopo otto mesi per 10 milioni di dollari. Il mio amico ha armeggiato con la sua per nove anni. E non ha alcun reddito.

Devi superare te stesso e fare una revisione rigorosa della tua organizzazione come se fossi un estraneo. Esamina tutte le metriche di successo, vedi se sono corrette. Spesso saranno sbagliate.

Chiedete aiuto ad altre persone nella vostra organizzazione. Chiedete ai clienti. Chiedete alle persone esterne. Anche loro non avranno sempre ragione. E a volte vi mentiranno per evitare di offendervi. L’unica persona che alla fine vi impedirà di diventare presuntuosi siete voi stessi. In molti casi, questo è ciò che separa i buoni leader da quelli cattivi.

13. I cattivi leader erano cattivi impiegati

La leadership inizia molto prima di raggiungere il vertice di un’organizzazione o di una comunità. In qualsiasi momento della tua carriera, sei un termostato o un termometro. O determini la temperatura di coloro che ti circondano e li aiuti a raggiungere i loro obiettivi e sogni, o fai come ti viene detto e non ispiri gli altri.

Come si fa a diventare un termostato? Ogni giorno migliora dell’1% la tua salute fisica, emotiva e mentale. Queste percentuali si accumulano molto rapidamente. Fai ogni giorno qualcosa che aiuterà chi ti circonda a diventare più competente, a migliorare i rapporti con le persone e a dare loro più libertà.

Aiuta gli altri e poi riconosci pienamente i loro meriti. Che sia il tuo capo, un collega, un amico, un parente o qualcun altro.

I cattivi impiegati e i cattivi leader fanno esattamente il contrario.

P. S.

La leadership è un termine complesso e vago. A volte un capo non significa un leader. A volte un re è governato per lui dalla sua corte. A volte l’artista è sostenuto e spinto in avanti dai leader del suo entourage.

E ci sono molti buchi lungo la strada. È facile cadere nella trappola dell’ego, del denaro, dei concetti sbagliati, delle tentazioni che flirtano con te. La sensazione di “Ce l’ho fatta!” anche se c’è ancora molta strada da fare.

Ecco perché non mi fido mai degli articoli che mi dicono “come essere un buon leader”. Ma so che sono caduto in ognuna di queste trappole. E se le evito (o ci cado meno spesso), forse un giorno potrò essere un buon leader.

Un leader per chi? Beh, per cominciare, per me stesso.


No more posts
No more posts