Il mistero delle sorelle Pollock: la loro reincarnazione era veramente reale?

Il mistero delle sorelle Pollock: la loro reincarnazione era veramente reale?

Questa storia ha scioccato il mondo intero. Iniziò come una tragedia, poi si spostò nell’inspiegabile, e di conseguenza portò gli scienziati in un vicolo cieco.

Tutto iniziò a metà del ventesimo secolo. La famiglia cattolica di Hexham John Pollock e sua moglie Florence ebbero una bambina di nome Joanna, e cinque anni dopo ebbero un’altra bambina di nome Jacqueline.

I Pollock erano la famiglia più ordinaria, e l’unica cosa che li distingueva dagli altri cattolici era la credenza del capofamiglia nella reincarnazione. Era così convinto della trasmigrazione delle anime che implorava il Dio per una prova.

Il mistero delle sorelle Pollock: la loro reincarnazione era veramente reale?

Le sorelle Jacqueline e Joanna Pollock.

Nel frattempo, le sue figlie crescevano e si godevano la loro infanzia. Un giorno Jacqueline cadde in un barile vuoto e si fece male alla fronte. Le rimase una cicatrice per ricordare l’incidente. E Joanna diceva spesso che non sarebbe diventata adulta, ma i suoi genitori non prestavano molta attenzione a quello che diceva. Aveva anche un notevole neo sullo stomaco.

Nel 1957 accadde un incidente: le sorelle furono investite a morte da un’auto. La colpa fu dell’autista. Jacqueline, il suo compagno di classe Anthony e sua sorella maggiore Joanna stavano andando in chiesa. La donna alla guida voleva porre fine alla sua vita e bevve una pericolosa dose di medicine, a causa della quale non riuscì ad affrontare il controllo… L’ironia è che è sopravvissuta.

Il mistero delle sorelle Pollock: la loro reincarnazione era veramente reale?

Giornale con un necrologio delle sorelle Pollock.

John e Florence avevano il cuore spezzato. Ma la vita andò avanti e dopo un po’ la donna rimase di nuovo incinta. Solo al momento del parto si seppe che Florence portava in grembo due gemelli. John era sicuro che le sue ragazze morte tornassero da lui sotto forma di neonati.

Sembrerebbe che queste fossero solo speculazioni e la cieca credenza di un uomo nella reincarnazione. Soprattutto sua moglie non condivideva le sue opinioni. Ma non era così semplice.

Le nuove sorelle Gillian e Jennifer (come furono chiamate le ragazze) avevano gli stessi segni sulla fronte e sull’addome, rispettivamente, delle sorelle decedute.

Le stranezze continuarono. Quando le bambine avevano tre anni, i loro genitori le lasciarono giocare con le bambole Jacqueline e Joan. Le gemelle sapevano di chi era la bambola e che era un regalo di Natale di Babbo Natale alle loro sorelle.

Il mistero delle sorelle Pollock: la loro reincarnazione era veramente reale?

Più tardi, sua madre sentì le ragazze parlare del giorno dell’incidente e dell’incidente della botte in cui Jacqueline era caduta.

In numerose occasioni, Gillian e Jennifer hanno ricordato cose che non potevano sapere.

Per esempio, subito dopo la loro nascita, i Pollock si trasferirono in un’altra città. E quando venivano come famiglia a fare una passeggiata nella città in cui vivevano, le bambine chiedevano un passaggio sulle loro altalene preferite e riconoscevano la “loro” scuola…

Secondo Florence, in più di un’occasione ha sentito le sue figlie discutere i dettagli di un incidente. Un giorno notò una strana conversazione tra le gemelle. Gillian, toccando la testa di Jennifer, mormorò:

“C’è del sangue che esce dagli occhi… È lì che c’era la ferita della collisione con l’auto…”

Con il passare del tempo, e man mano che le gemelle superavano l’età di Jacqueline e Joan, i ricordi criptici diventavano sempre meno. Una volta, però, da adulta, Gillian condivise la sua visione con i giornalisti – descrisse in dettaglio la casa dove vivevano i suoi genitori con le sue sorelle morte. Con grande sorpresa dei giornalisti, la coincidenza era del 100%!

I caratteri delle bambine erano esattamente uguali a quelli delle loro sorelle morte. Jillian adorava prendersi cura di Jennifer, dandole il meglio che aveva. Amavano anche giocare con i capelli della madre ed erano agitate. Jillian era più estroversa della sua gemella e si interessava a cose che non erano caratteristiche della sua età. La ragazza sembrava più matura di sua sorella. Tuttavia, se si ricorda di Joanna e Jacqueline e si ammette l’esistenza della reincarnazione, tutto va a posto.

Se la trasmigrazione delle anime è vera, allora non è sorprendente che le bambine avessero molta paura delle automobili. La loro paura a volte degenerava in isteria. Il signor Pollock confessò in seguito ai giornalisti che una volta, quando lui e le sue figlie stavano camminando in un vicolo buio e una macchina suonò il clacson dietro di loro, iniziarono a singhiozzare così forte che quasi persero i sensi. Non riuscivano a muoversi, però. Il padre ha ricordato che Joanna e Jacqueline non avevano nessun posto dove correre neanche quel giorno sfortunato, perché c’era una recinzione dietro di loro.

All’età di vent’anni, Gillian ebbe una visione in cui vagava nella casa dove la famiglia Pollock aveva vissuto fino a quando Joanna aveva quattro anni. La ragazza descrisse la villa in tutti i suoi colori, e i giornalisti, quando vi arrivarono, furono convinti della veridicità delle sue parole.

Il mistero delle sorelle Pollock: la loro reincarnazione era veramente reale?

Gillian e Jennifer sono cresciute come donne perfettamente normali, si sono sposate e hanno avuto dei figli. Purtroppo non ci sono informazioni sulla loro vita successiva.

Sono passati molti anni da allora, ma il dibattito sulla reincarnazione delle sorelle Pollock continua. Alcuni credono che i genitori abbiano avuto un desiderio, mentre altri sono inclini a credere nella trasmigrazione delle anime.

Uno di coloro che studiarono questo caso fu lo psichiatra e biochimico Ian Stevenson. Nel 1987 ha pubblicato un libro in cui ha raccolto storie di bambini che ricordavano vite passate. Una di queste è la storia delle sorelle Pollock.

Stevenson ha studiato le bambine per 40 anni ma non ha trovato nessuna prova seria della reincarnazione. Il dottore stesso lo spiegò in questo modo:

Più Gillian e Jennifer diventavano vecchie, meno dettagli delle loro “vite passate” ricordavano. Non escludo anche la possibilità che tutto ciò che i Pollock hanno descritto possa aver avuto qualcosa a che fare con il DNA e la genetica comuni.

Sia come sia, nessuno è mai stato in grado di spiegare o confutare la componente mistica di questa storia. Dopo la morte dei genitori di Gillian e Jennifer, lo psichiatra smise di osservare le gemelle.


No more posts
No more posts