Perché gli uomini nel Medioevo indossavano scarpe con calze lunghe?

Perché gli uomini nel Medioevo indossavano scarpe con calze lunghe?

Alcuni possono erroneamente pensare che gli stivali con la punta a punta fossero l’attributo di un giullare di corte medievale, tanto erano sciocchi e ridicoli. Tuttavia, in realtà questi stivali erano considerati un articolo da armadio alla moda per i re e molti altri dignitari come baroni, conti e ricchi mercanti per oltre 300 anni.

Queste scarpe morbide e a forma di becco erano chiamate “poulins” ed erano fatte principalmente di pelle su una suola imbottita. E sì, siamo d’accordo che questa è probabilmente una delle tendenze più sciocche della moda medievale maschile che non è passata di moda per diverse centinaia di anni.

Perché questi stivali sono entrati nella moda maschile europea e sono durati per così tanti anni? Leggete nel nostro nuovo articolo.

Come sono arrivati gli stivali a punta lunga in Europa?

Si sa che queste scarpe lunghe hanno le loro origini nel tempo in cui i crociati tornarono in Europa dopo la prima crociata del 1099, e portarono con loro le scarpe nazionali orientali con le punte a punta, che si chiamavano babushi e cucite con pelle di marocchino in rilievo.

Dopo di che, la moda degli uomini europei per le scarpe strane con calze lunghe andò dappertutto e durò quasi quattro secoli senza una pausa!

Perché gli uomini nel Medioevo indossavano scarpe con calze lunghe?

Pittura del matrimonio di Renaud di Montauban e Clarisse, 1420. Dai un’occhiata agli stivali alla moda negli uomini.

Secondo gli annali del famoso monaco Orderick Vitaly, vissuto nei secoli XI-XII, i primi stivali europei con il naso lungo entrarono in voga grazie al conte francese Fulco IV Le Resnais. Questo aristocratico francese, secondo le cronache esistenti, era “un uomo dalle abitudini riprovevoli, persino scandalose”.

Il conte Fulco Le Reschaine sviluppò dolorosi calli e unghie incarnite in un’età piuttosto avanzata, così commissionò al suo cordiaio (calzolaio) un paio di scarpe di design che potessero compensare le sue deformità fisiche e non causassero dolore quando camminava. L’abile calzolaio, prendendo l’idea delle scarpe della nonna orientale, capì come migliorare queste scarpe allungando il naso in modo che potessero essere rialzate e aiutare il povero conte a camminare comodamente sul terreno. Si sa che il conte d’Angiò fu follemente felice quando ricevette queste scarpe e non se ne separò per il resto della sua vita.

Inoltre, frate Orderick Vitalius, che serviva nell’abbazia normanna di Eurycle, documentò un pazzo di alto rango, che egli chiama con il nome di Robert nei suoi appunti, che si comprò dei polli dal naso lungo e cominciò ad imbottirli di lino in modo che l’estremità potesse essere piegata a forma di corno di montone. In seguito gli fu dato il rozzo soprannome di Cornadus, che significava Horner o Horny (che denota un uomo volgare).

Tuttavia, la maggiore diffusione di queste scarpe insolite fu nell’Europa dell’Est, in particolare in Polonia. I calzolai polacchi iniziarono a calzare quasi tutti i ricchi. E dal XIV secolo i poulin polacchi cominciano ad essere molto richiesti in tutta Europa.

Perché gli uomini nel Medioevo indossavano scarpe con calze lunghe?

Un paio di scarpe in poulin (o crakow), XV secolo. Tessuto in lino di seta, le scarpe sono coperte da velluto di seta nella parte superiore e decorate con nastro, filo e chiodi di metallo.

Fu dopo l’XI secolo che gli stivali con le dita allungate entrarono attivamente nella moda europea e le classi ricche cominciarono a indossarli in varie feste.

Con il passare dei secoli, i nasi di tali stivali divennero sempre più lunghi, finché nel XIV secolo la Polonia inventò poulins sempre più stretti, il cui naso era 60 cm più lungo del piede stesso. Camminare normalmente con queste scarpe era impossibile, così i giovani modaioli rinforzarono le estremità dei loro stivali con del muschio.

Furono i poulin polacchi a raggiungere la loro lunghezza finale e sono più spesso visti in dipinti antichi o come artefatti storici che sono sopravvissuti fino ad oggi.

Perché gli uomini indossavano queste scarpe?

Alcuni storici suggeriscono che una delle ragioni dell’apparizione dei poulin può avere a che fare con la fede nascosta del culto fallico esistente, che era attivo nell’Europa medievale e i pellegrini vi si potevano trovare nelle principali città di Francia, Inghilterra, Spagna e così via.

Perché gli uomini nel Medioevo indossavano scarpe con calze lunghe?

La lunghezza dei poulin medievali variava, e alcuni erano decorati con ornamenti intricati.

I giovani che indossavano questi stivali venivano spesso puniti perché stavano in piedi agli angoli delle strade, dimenando le loro lunghe calze in modo provocatorio al passaggio delle giovani signore, suggerendo così una certa indecenza nei loro confronti. La chiesa era consapevole dell’impertinenza di quelle scarpe ed era scioccata dall’apparente e oscena moda di indossarle tra i giovani. Spesso tali stivali impedivano persino agli uomini di pregare.

Molti capi della chiesa e alcuni governanti europei trovarono la nuova moda di tali stivali ridicola e disdicevole, a volte chiamandoli addirittura “gli stivali del diavolo” Il clero non riusciva a spiegare la peste nera che spazzò l’Europa nel 1347, così predicava costantemente l’idea che fosse la vendetta di Dio sugli uomini per aver indossato le scarpe del diavolo.

Edoardo III (1312-1377), che governò l’Inghilterra dal 1327 al 1377, cedette alle pressioni della chiesa durante il suo regno ed emanò una legge che limitava la lunghezza della punta delle scarpe per tutti coloro che avevano un reddito di almeno quaranta sterline all’anno: per esempio, i principi e i conti potevano indossare poulin lunghi 2,5 piedi (76 cm), mentre i cavalieri dovevano accontentarsi di 1,5 piedi (45 cm). I cittadini comuni e i contadini potevano indossare poulin lunghi solo mezzo piede (15 cm).

Ma la ragione più realistica per indossare i poulins, stranamente, si ritiene che i giovani prosperi con tali stivali potessero mostrare la loro appartenenza alla classe ricca, poiché con scarpe dalla punta lunga era impossibile lavorare in agricoltura.

La maggior parte dei poulin che sono sopravvissuti fino ad oggi erano fatti di pelle, ma gli europei medievali usavano tutti i tessuti possibili. Per esempio, gli strati più alti della società usavano velluto e seta. E dall’aspetto di tali scarpe era immediatamente chiaro che la persona che le indossava guadagnava molto e chiaramente non era povera.

Perché gli uomini nel Medioevo indossavano scarpe con calze lunghe?

Sabatoni da cavaliere corazzato dell’imperatore Massimiliano I, 1485 Vienna.

Ma la cosa divertente è che anche le armature cavalleresche cominciarono ad essere prodotte secondo le ultime mode, così i sabatons di stivali a soffietto, che erano attaccati al polsino, furono prodotti molto attivamente in una forma che assomigliava ai poulins con calze lunghe.

Successivamente, però, si rivelò scomodo combattere con essi. Nella battaglia di Nicopoli del 1396, quando gli ottomani sconfissero un esercito di crociati europei, il contingente francese fu costretto a tagliare le punte dei loro stivali per potersi ritirare rapidamente.

Perché gli uomini nel Medioevo indossavano scarpe con calze lunghe?

Alcuni modelli di polli venivano arricciati nelle calze e fissati con una corda o una catena allo stinco, e a volte varie cose come la pelliccia o il lino venivano infilati nella calza per dare loro una forma curva.

Alla fine i poulin in Europa cominciarono ad essere proibiti dalla legge per gli uomini.

La gente comune cominciò a scherzare spesso per le strade sul fatto che più lunga era la punta dello stivale (per esempio del conte), più compensava la dimensione del suo piccolo “strumento”. A molte persone del governo non piaceva quello che si diceva nelle strade.

Dopo che il pubblico cominciò a ridere dell’élite al potere, la corona inglese sentì il bisogno di intervenire. Così gli inglesi equipararono l’indossare scarpe con le punte lunghe alla pubblica indecenza e cercarono di limitare la diffusione di tali mode: “Nessun lord, cavaliere, scudiero o altro uomo rispettabile nella società inglese dovrebbe indossare scarpe o stivali con il naso più lungo di due pollici (5 cm)”, affermava la legge del 1463. Potete leggere una conferma di ciò al link attivo.

L’unica città conosciuta per essere più aggressiva contro i poulins fu Parigi, che vietò la loro produzione e il loro uso nel 1368. Verso il 1475 le scarpe con le calze lunghe avevano cessato di essere indossate attivamente in molti paesi europei; in alcuni paesi era vietato indossarle alla gente comune, e l’unica eccezione erano i giullari, che divertivano la corte reale. Durante il regno del re Enrico VIII, le calzature europee si civilizzarono e gradualmente arrivarono alla forma che abbiamo ora.


No more posts
No more posts