I neurobiologi hanno trovato la fonte della felicità

I neurobiologi hanno trovato la fonte della felicità

Chi o cosa pensi che ci renda felici? Voi stessi, una persona cara, o forse eventi piacevoli? È molto più prosaico di così: la neurobiologia, in particolare i processi chimici che avvengono nel nostro cervello. Oggi parliamo di come la neurobiologia ci rende sopraffatti dalle emozioni positive.

Quali sono le basi per queste conclusioni? Basta guardare questa immagine:

I neurobiologi hanno trovato la fonte della felicità

A sinistra c’è una radiografia dell’attività cerebrale durante la depressione, e a destra il cervello di una persona felice. La differenza tra i due è enorme!

Quindi, come possiamo fare in modo che il nostro cervello assomigli all’immagine a destra ed essere felici ogni giorno? Gli esperti di neurobiologia offrono i seguenti consigli:

1. Sorridi e sii grato più spesso

I neurobiologi hanno confrontato i meccanismi del cervello nella depressione e nello stato normale e hanno scoperto che nel primo caso c’è un disturbo nel metabolismo dei neurotrasmettitori, che sono coinvolti nella formazione degli impulsi nervosi. C’è anche una diminuzione del numero di dendriti – le escrescenze neuronali che forniscono la comunicazione tra di loro. E alcuni neuroni depressi si danneggiano e muoiono, e nuovi neuroni si formano molto lentamente per sostituirli.

Qual è il trattamento per la depressione oltre agli antidepressivi? Esatto: con un atteggiamento positivo. Si insegna di nuovo alle persone ad essere felici, ad aumentare i loro livelli di serotonina in modo naturale. E questo può essere fatto con… semplice gratitudine.

Quindi se ti senti giù, triste o depresso, pensa a chi puoi ringraziare in questo momento!

Pensa a quelle persone che hanno avuto un impatto positivo su di te, ti hanno aiutato in una situazione difficile. O forse vuoi ringraziare te stesso? Meraviglioso! Ripensa a quando e dove hai mostrato le tue migliori qualità e dove le hai imparate?

Qual è il segreto qui? Quando pensi alla gratitudine, ti concentri sugli aspetti positivi della vita e c’è una produzione naturale di serotonina nella corteccia cerebrale.

2. Non mettere i problemi in un cassetto. Risolvili man mano che si presentano

Indovina per quanto tempo il cervello può risolvere un problema? 24 ore al giorno! Sì, il nostro cervello lavora all’infinito e non si riposa mai, nemmeno di notte. Se abbiamo diversi problemi che vogliamo risolvere in parallelo, il nostro cervello lavorerà alla massima velocità. Sprecherà un sacco di energia preziosa, che sottrarrà alla vostra… salute. Ci sarà anche irritazione per il fatto che i compiti non sono stati risolti e che è passato così tanto tempo. Da qui l’apatia, la depressione e molte altre condizioni spiacevoli.

Al contrario, se risolvi i problemi come vengono, e non ti ingombri la testa con domande che “non sono ancora apparse, ma possono”, sarà molto più facile. Per ogni problema risolto nella vita, il cervello si ricompensa con una porzione di neurotrasmettitori che armonizzano il sistema limbico, rilassano il nostro corpo e ci aiutano a percepire più facilmente gli eventi del mondo.

3. Non tenere la negatività dentro di te

Le situazioni in cui vediamo qualcosa che non ci piace e rimaniamo in silenzio, e quando parliamo dei nostri sentimenti negativi, sono completamente diverse. Nel primo caso, il nostro cervello soffre attivamente di emozioni negative che non hanno trovato uno sbocco. Il risultato è una tensione eccessiva e una malattia psicosomatica. Nel secondo caso, invece, cambiamo la situazione con le nostre parole, aiutiamo le altre persone ad adattarsi a noi e aiutiamo il nostro cervello a produrre serotonina, che riduce i livelli di stress.

Naturalmente, gli psicologi e i loro pazienti hanno opinioni diverse su questa tecnica. Alcune persone credono che sfogare la negatività fuori di sé sia lamentarsi, mostrarsi deboli, insicuri e così via. Se siete in questa categoria, cercate di liberarvi della negatività con questa tecnica:

Scrivete semplicemente i vostri pensieri negativi su carta, poi sigillateli in una busta e bruciateli.

4. Tocca i tuoi cari

Come ti sei sentito quando hai teso la mano a un collega e lui non ti ha salutato? O quando volevi abbracciare un ragazzo e lui si è allontanato da te, offeso da qualcosa? Frustrazione, inutilità, rifiuto, dolore?

Proprio così. C’è un’area del cervello che è responsabile della tattilità e dell’empatia, ed è anche responsabile del dolore fisico. Questo è l’aspetto che ha:

I neurobiologi hanno trovato la fonte della felicità

Se una persona è privata della tattilità e dell’empatia degli altri, il suo cervello percepirà la comunicazione con le persone come un dolore fisico insopportabile. E per evitarlo, si nasconderà nel suo guscio, cadendo lentamente in depressione.

Non lasciare che arrivi a questo punto! Se ti senti triste, cattivo o infelice, trova qualcuno che vuoi toccare. Fai un massaggio a tuo marito, abbraccia tuo figlio, accarezza il tuo gatto peloso. L’umano è una creatura sociale, non privarti della tattilità, non importa quanto tu possa essere forte.

5. Camminare almeno 25 minuti ogni giorno

Una normale passeggiata di 25 minuti è una sorta di sollievo dallo stress per il corpo. Sì, sì, deriva da eventi positivi. Una volta che lo “stress” è finito, il corpo produce endorfine come ricompensa per il “disagio” subito. Le endorfine riducono il dolore ed elevano l’umore.

A proposito, sono simili nella struttura agli oppiacei, come la morfina. Quindi, se vuoi sollevare il tuo umore, non hai bisogno di esaurirti con una pesante attività fisica: una semplice passeggiata farà miracoli.

6. Usare una maschera per il sonno

Tutti continuano a dirci: “Dormi otto ore e sarai felice”. Ma pochi specificano che queste otto ore dobbiamo dormire al buio. Perché è così importante?

Quando è buio, il nostro corpo produce l’ormone melatonina, che rallenta tutti i processi dentro di noi. La melatonina protegge anche dallo stress, regola il sistema endocrino e la pressione sanguigna, ha proprietà antiossidanti e migliora l’umore e lo stato mentale.

Quando il corpo fissa la luce, produce un certo ormone dello stress che ci spinge a svegliarci presto e ci priva dei vantaggi di cui sopra. Di conseguenza, ci sentiamo stanchi dopo aver dormito, possiamo soffrire di mal di testa, ecc. In questi casi, una maschera per dormire aiuta molto.

7. Fare piani e anticipare il bene

C’è una nota saggezza popolare che dice:

“Il processo di attesa della vacanza è meglio della vacanza stessa”.

Ed è davvero così! Anticipando un evento gioioso, una festa, un risultato di carriera o un incontro con una persona piacevole, le nostre emozioni diventano più luminose e positive. Ed è una fonte di felicità molto efficace (e soprattutto infinita)!

I neurobiologi spiegano questo fenomeno con il lavoro del neurotrasmettitore dopamina nel nostro cervello. È responsabile della felicità e del piacere, ma ciò che è ancora più interessante: viene prodotta non solo al momento di un evento gioioso, ma anche nel processo del suo avvicinamento!

Ecco perché una persona può ottenere sensazioni piacevoli non tanto dalle situazioni, quanto dall’anticipazione del risultato. Per questo motivo ci piace tanto contare i giorni, le ore e i minuti prima dell’evento desiderato: un appuntamento, il sesso, il tè con le chicche, lo stipendio, ecc. Quindi, se avete un disperato bisogno di essere presto felici, organizzate qualcosa di bello per voi stessi nel vostro programma e aspettate con trepidazione.


No more posts
No more posts