Come influisce il ritmo della vita moderna sulla nostra produttività? O perché abbiamo bisogno di riposare?

Come influisce il ritmo della vita moderna sulla nostra produttività? O perché abbiamo bisogno di riposare?

Il corpo umano per sua natura è un po’ come una batteria ricaricabile: prima accumula energia (durante il riposo, il sonno) e poi la cede (durante il lavoro, le attività). Ma il mondo moderno è organizzato in modo tale da tenerci costantemente in uno stato di flusso: devi avere tempo per fare questo, per incontrare quel cliente, devi rispondere a una chiamata, una e-mail, un SMS, un messaggio sul telefono ecc.

Quando questi fattori irritanti diventano troppi, si rompe l’equilibrio dell’accumulo e del dispendio di energia: una persona si stanca più velocemente, diventa meno produttiva e poi si brucia.

Gli psicologi lanciano l’allarme: nelle grandi città moderne ci sono così tanti stimoli di attenzione che il bioritmo delle persone semplicemente non riesce a stare al passo con questo ritmo! Il nostro corpo non può fare a meno di rispondere a tali stimoli con un ritmo “sovrumano”, soprattutto perché sono quasi costanti ed estremamente invadenti!

Il ritmo della vita moderna ci batte come una frusta, costringendoci a muoverci, e quindi a vivere e respirare (letteralmente e figurativamente) sempre più velocemente. Sentiamo la tensione del ritmo al lavoro, in città e persino a casa (!), perché quando torniamo a casa accendiamo la televisione con il ritmo rimbombante della pubblicità, e la spegniamo solo quando andiamo a dormire.

C’è da meravigliarsi, allora, se in quest’epoca di tecnologia medica, le persone si bruciano a 40 o 50 anni come le candele di Natale?

Come influisce il ritmo della vita moderna sulla nostra produttività? O perché abbiamo bisogno di riposare?

Così si scopre che tutti noi corriamo attraverso la vita da lunedì a lunedì, tirando fuori la lingua, come segugi a caccia. Ma che tipo di animale stiamo avvelenando? Tuttavia, se ci si pensa, diventa chiaro che tipo di animale è, anche se la conclusione è deludente, molto deludente…

L’uomo moderno è un “uomo che ansima”, come un cacciatore che corre senza sosta. Anche il suo respiro è frequente e superficiale, e questo è il “respiro della paura”. Quindi dobbiamo ammettere che abbiamo semplicemente dimenticato come respirare normalmente e pienamente.

Il problema chiave dell’uomo moderno è che non riusciamo a fare una sosta, a staccarci da tutto, a prendere fiato. Le persone, spinte quasi fino alla morte dal ritmo di vita dettato dalla civiltà moderna, hanno semplicemente perso la capacità di riposare.

E questo è molto importante. Senza un riposo adeguato non ci può essere un lavoro normale. Se consideriamo che l’uomo moderno medio è un maniaco del lavoro, il che significa che si sforza nevroticamente di ottenere dei risultati, allora il riposo, il vero e pieno riposo, è vitale per lui, altrimenti si troverà nei guai. E non sa come riposare.

Si crea un circolo vizioso: se una persona non sa come riposare, non può acquisire forza, e se non può acquisire forza, non può realizzare i suoi piani, e se non realizza i suoi piani, il desiderio di realizzarli aumenta, così smette di riposare del tutto, e come conseguenza, gli rimane sempre meno forza, così che va dritto sulla strada della nevrosi.

Come influisce il ritmo della vita moderna sulla nostra produttività? O perché abbiamo bisogno di riposare?

Regole di riposo: perché, come, quando e quanto

Come non bruciarsi sulla strada verso obiettivi ambiziosi? La ricetta è semplice. Per ottenere risultati sorprendenti, ma senza perdere forza, è necessario combinare in modo intelligente il carico di lavoro e il riposo. Sfida le tue capacità, poniti compiti difficili – altrimenti ti bloccherai in un posto e non sarai in grado di raggiungere la cima. Ma dopo un periodo difficile, dai sempre al tuo corpo e al tuo cervello il tempo di recuperare.

Come dimostrano gli studi, i migliori atleti del mondo non cercavano di ottenere risultati con sudore e sangue. Invece, alternavano sistematicamente allenamenti molto duri a periodi di sforzo leggero e di recupero. Metodi simili sono stati usati da brillanti inventori, artisti, scrittori e scienziati. Il dottor Mihai Csiksentmihai ha scoperto che le menti più brillanti della storia o si dedicavano al loro lavoro con feroce entusiasmo o passavano al completo rilassamento e recupero.

Alternare il carico di lavoro con il riposo non solo previene il burnout creativo e il declino cognitivo, ma alimenta anche idee e scoperte rivoluzionarie.

Ecco una coerenza generale comune a quasi tutti i grandi intellettuali e creativi, indipendentemente dal loro campo:

  1. Immersione: inclusione completa con un’attenzione profonda e costante;
  2. Incubazione: un periodo di riposo e recupero in cui non si pensa affatto al lavoro;
  3. Intuito: l’emergere di momenti tipo “eureka!”. È l’emergere di nuove idee e progressi mentali.

Se hai raggiunto un’impasse, la cosa migliore da fare è prendere una piccola pausa, anche se sembra controproducente. Ripensate a cosa stavate facendo quando improvvisamente avevate in testa le risposte a problemi difficili? È probabile che non stavate nemmeno cercando di risolverli in quel momento. È molto più probabile che stavate solo sognando ad occhi aperti mentre facevate la doccia o una passeggiata nel parco.

Come influisce il ritmo della vita moderna sulla nostra produttività? O perché abbiamo bisogno di riposare?

Lin-Manuel Miranda, autore dello spettacolo di successo di Broadway Hamilton, lo descrive così: “Una buona idea non ti viene quando stai facendo un milione di cose contemporaneamente. Una buona idea arriva nei momenti di relax. Nel pomeriggio, o quando stai scarabocchiando sul tuo quaderno, o quando stai giocando a “Trainspotting” con tuo figlio. Quando il tuo cervello è dall’altra parte”.

Le nostre rivelazioni del subconscio cominciano a venire fuori solo quando spegniamo il cervello cosciente.

Come riposare correttamente e con beneficio?

Ci sono molti tipi di ricreazione, e non tutti sono creati uguali. Per esempio, stare seduti sui social media non è affatto gratificante come una passeggiata nel parco. Se hai un po’ di tempo e vuoi passarlo in modo fruttuoso, scegli qualcosa da questa lista:

  • Fate una passeggiata. È il modo perfetto per distrarsi un po’ e stimolare il tuo pensiero creativo. Anche se non puoi uscire (per esempio, perché fuori è inverno), qualche giro in ufficio o cinque minuti sul tapis roulant ti faranno comunque bene;
  • Comunicare con la natura. Camminare all’aria aperta e ammirare il bel paesaggio migliorerà il tuo benessere, passerà dallo stress a uno stato di calma e imposterà il tuo cervello a compiti creativi;
  • Meditare. Si può parlare a lungo dei benefici della meditazione. Senza entrare nei dettagli, sentirai una straordinaria chiarezza mentale, diventerai più produttivo, calmo e concentrato;
  • Organizzare un incontro con gli amici. Sentirsi in sintonia con gli altri ha un effetto significativo sulla fisiologia dello stress. Tra gli effetti positivi delle connessioni sociali ci sono l’aumento della variabilità della frequenza cardiaca, lo spostamento del sistema nervoso in modalità di recupero e il rilascio di ormoni come ossitocina e vasopressina che hanno proprietà antinfiammatorie e antiossidanti;
  • Fare un pisolino. Una breve ora tranquilla di meno di 30 minuti aiuterà a ripristinare l’energia e a migliorare la concentrazione fino alla sera. Ma ricordate, un pisolino diurno non sostituisce un buon riposo notturno.

Come influisce il ritmo della vita moderna sulla nostra produttività? O perché abbiamo bisogno di riposare?

Quanto spesso dovremmo riposare?

Pensate a riposare non appena il vostro corpo vi dà un segnale. Sentiti libero di fare delle pause durante il giorno, specialmente se sei bloccato o ti senti molto stanco. Più il lavoro è intenso, più spesso dovresti fare delle pause.

Lavorare senza sosta senza riposare a sufficienza è come minimo inefficiente, e nel peggiore dei casi pericoloso per la salute.

Il rapporto esatto tra carico di lavoro e riposo dipende dalla scelta individuale e dalle condizioni di lavoro. Ma l’ideale è alternare blocchi di 50-90 minuti di lavoro intenso e pause di 7-20 minuti. In questo modo si può conservare l’energia fisica, cognitiva ed emotiva necessaria per le alte prestazioni.

Anche i fine settimana sono importanti. Non importa cosa fai, devi avere almeno un giorno libero ogni settimana. Non sacrificare mai le tue vacanze annuali.

Prendete come regola: alternate sempre lunghi periodi di stress da lavoro con lunghi periodi di riposo.

Sia nei fine settimana che nelle vacanze, dimenticatevi del lavoro. Lasciate che ci sia un completo passaggio fisico e mentale, immergetevi in attività che trovate rilassanti e ristoratrici.

E infine, ascolta sempre il tuo corpo. Sentitevi liberi di prendere del tempo libero a metà settimana se vi sentite esausti. Ogni tanto è necessario prendersi un po’ di tempo libero dal lavoro in modo da poter dare il meglio di sé più tardi.


No more posts
No more posts