Ricercatori: le persone sorridenti attraggono più felicità

Ricercatori: le persone sorridenti attraggono più felicità

Il rinomato psicologo sociale Alexander Danvers ha condotto uno studio su larga scala e ha concluso che sorridere rende le persone più felici.

Nello studio originale, ai partecipanti è stato chiesto di valutare quanto fosse divertente una serie di cartoni animati tenendo una penna in bocca. Il trucco era tenere la penna in modi diversi: in un caso la tenevano con le labbra, non dando movimento ai muscoli del sorriso, e nell’altro la tenevano con i denti, che, al contrario, attivavano quei muscoli. Quando i muscoli del sorriso erano attivi, i partecipanti hanno valutato i cartoni animati come più divertenti! Forse non te ne rendi conto, ma sorridere cambia il modo in cui ti senti! Sembrava che l’attivazione dei muscoli associati a una particolare emozione influenzasse sottilmente e inconsciamente le risposte emotive delle persone.

Ma poi si è scoperto che questa scoperta era sbagliata. Nel 2016, uno studio su larga scala che ha raccolto dati da 17 laboratori diversi ha scoperto che i risultati dell’esperimento originale non erano riproducibili. Attivare i muscoli del sorriso non cambiava quanto i cartoni animati sembrassero divertenti ai partecipanti.

Questo risultato sembrava conclusivo perché il nuovo tentativo includeva molte più persone da un campione più rappresentativo (perché non erano solo studenti della stessa università) e con una metodologia e un disegno di analisi più limitati (perché c’erano feedback facciali esperti). Ma era davvero così?

Solo due anni dopo nuove prove si sono aggiunte alla discussione. Tom Noah, Yaakov Shul e Ruth Mayo hanno sottolineato quella che secondo loro era una differenza significativa tra lo studio originale e quello di replica: l’uso di una videocamera.

Sulla base del feedback di uno degli esperti, il team di replica ha deciso di videoregistrare ogni sessione per tenere traccia di tutto (compresa la posizione corretta della penna in bocca!). Ma videoregistrare può rendere una persona più consapevole di sé. Vari articoli di psicologia dicono che le persone si affidano meno all'”intuizione” per prendere decisioni quando sanno di essere osservate. Questo potrebbe aver alterato i risultati dello studio riprodotto.

Pertanto, Noah e i suoi colleghi hanno deciso di condurre un nuovo studio in cui hanno assegnato in modo casuale i partecipanti a una delle due diverse versioni dell’esperimento: la versione originale senza la telecamera e la versione di replica con la telecamera. Quando la telecamera era accesa, il risultato era lo stesso della replica – non c’era alcun effetto sorriso. E quando la telecamera non era accesa, l’effetto appariva proprio come nello studio originale. Cioè, era una questione di videocamera.

È facile interpretare questo come una lotta tra i riformatori della scienza e i loro avversari tra gli psicologi sociali. La conclusione tradizionale è stata rifiutata, e poi c’è stato un contraccolpo che ha rispecchiato il rifiuto. (I commenti editoriali di Noah e dei suoi colleghi implicano che le affermazioni dei replicanti di un “declino nell’accumulazione della conoscenza scientifica” non sono applicabili). Ma in realtà, questo è un grande esempio di come le cose dovrebbero essere fatte in campo scientifico. Gli scienziati devono mettere in discussione le conclusioni degli altri, ed è molto importante scoprire se i risultati sono corretti. Questo implica sia mettere in discussione i risultati degli studi di replica che dare un senso al perché i risultati possono essere diversi quando vengono replicati.

Un possibile risultato della revisione degli studi precedenti dovrebbe sempre essere “ci siamo sbagliati, questo effetto non ci dice nulla in modo affidabile”. Questo può accadere a causa del rumore statistico – i dati sembravano come se ci fosse una differenza tra i gruppi, quando in realtà non c’era. Questo non è colpa dello sperimentatore, ma è qualcosa che può essere verificato eseguendo repliche. Scoprire che una credenza preesistente è sbagliata dovrebbe essere sempre un risultato accettabile di uno studio, e contribuisce all’accumulo di conoscenza scientifica.

Ma, come hanno scoperto Noah e i suoi colleghi, a volte gli effetti psicologici possono essere più sottili. Il loro lavoro suggerisce che l’effetto sorriso dipende dall’imbarazzo delle persone alla vista di un nuovo moderatore. Applicando conoscenze dettagliate da un altro campo della psicologia, hanno fornito una comprensione più sfumata di come funziona questo effetto. Naturalmente, come scrivono nella loro conclusione, l’analisi statistica della loro replica di successo senza telecamera può essere sbagliata con una probabilità del 10%.

È qui che la ricerca di Noah e dei suoi colleghi è importante. La gente ha spesso usato la scoperta originale come prova che sorridere rende più felici. Che le espressioni facciali possono cambiare il modo in cui ti senti, anche se non lo senti. Ma i nuovi risultati lo smentiscono! L’effetto viene meno se si è imbarazzati. Quindi non ha senso far sorridere le persone per cambiare il modo in cui si sentono – si renderanno conto che stanno cercando di cambiare l’umore, e questo annullerà l’effetto. Quindi, cosa direi ora nelle conferenze? Direi che l’attivazione dei muscoli facciali può influenzare l’umore – ma non possiamo controllarla.


No more posts
No more posts